(O.Avogadro – M.Lavezzi)

Letto d’erba tenera l’aria fresca è limpida
l’anima è un’immensa prateria tu, non farmi male
calore dolce paura sottile
e la tua mano sale un po’
si o no
tu cosa fai dove sei
ti ricordi me di noi dell’età
che spostò l’orizzonte più in là

io, quante stelle respirai quante notti ti sognai
primo amore come stai

Condividi